Ospedale, scontro tra il direttore Sansonetti e i sindacati

Anche per l’Ospedale della Murgia, passata l’emergenza neve è tempo di bilanci.

Soddisfatto il direttore sanitario dell’Ospedale della Murgia, Alessandro Sansonetti che ha inviato a mezzo stampa “un encomio all’intero personale medico e di comparto”.
La collaborazione degli operatori dell’ospedale, ampiamente dimostrata in altre occasioni è stata ineccepibile anche di fronte all’emergenza neve – afferma Sansonetti – L’ordine di servizio diramato il 31 dicembre scorso in cui veniva assicurata la continuità assistenziale mediante prolungamento del turno del personale in servizio, la presenza anche dei medici reperibili, insieme all’unità di coordinamento insediatasi nel nosocomio e costantemente in riunione nei giorni più critici, si è rivelata una strategia vincente -conclude Sansonetti ribadendo di aver gestito l’emergenza con “buon senso, professionalità e abnegazione e ricevendo anche da parte dei fruitori, apprezzamenti e riconoscenza, come facilmente riscontrabile dal web, il mezzo di locomozione veloce dei nostri tempi”.
Un bilancio non condiviso dai sindacati della Dirigenza Medica e Veterinaria, rappresentate dal dottor Giosafatte Pallotta per la Anaao-Assomed e Franco Angelastri per la Fesmed, autori di una lettera indirizzata anche al Direttore Generale e Amministrativo della Asl nella quale sollevavano una serie di dubbi e di perplessità sulla gestione dei turni di lavoro.

Metabolizzata l’emergenza, e proprio ai sindacati che Sansonetti risponde dopo aver “casualmente preso visione del documento”.
“Ci tengo a dire che il ritmo degli interventi effettuati duranti la nevicata dei giorni passati è stato all’altezza della situazione di emergenza – ribatte il direttore in sua difesa – Dai giudizi privi di fondamento di coloro che si sono appigliati, in maniera palesemente strumentale, alla facilità e inopportunità della disposizione di servizio, “ad una gestione isolata e tardiva dell’allerta meteo”, alla “trasformazione della reperibilità in guardia attiva poi smentita perché è stata disposta la timbratura in straordinario in pronta disponibilità”, non posso che dedurre una visione completamente miope del nostro lavoro – continua il direttore sanitario – Trattasi di puri bizantinismi che pospongono il bene della collettività ad interessi evidentemente personali, asserviti a scopi ben diversi da quelli che muovono quotidianamente il lavoro dei sanitari di questo ospedale. Quello che conta sono i dati salienti del bilancio delle giornate di maltempo, assolutamente positivi”, conclude Sansonetti.